Il Portodimare

Associazione sportiva dilettantistica dal 1975

fiv

Il Portodimare - Associazione sportiva dilettantistica dal 1975

Concluso il 41° Campionato Invernale, tutti i vincitori

campionato invernale 2017_6CHIOGGIA, 26 novembre 2017 – Si è conclusa oggi a Chioggia la quarantunesima edizione del Campionato Invernale di vela d’altura, organizzato da Il Portodimare in collaborazione con Darsena Le Saline, il moderno Marina situato nel centro storico che nelle sue banchine ospiterà per tutta la durata della manifestazione equipaggi ed imbarcazioni in gara.

Il forte vento di Bora che già dalla mattina presto soffiava sull’Alto Adriatico ha indotto il comitato di regata a differire già di buon mattino le prove in programma per la giornata, terminando così la manifestazione con le quattro regate disputate nei weekend precedenti.

Poco prima di mezzogiorno la club house di Darsena Le Saline ha accolto le premiazioni della kermesse, dove davanti ad una numerosa platea il presidente de Il Portodimare Stefano Genova ha voluto ringraziare tutti i partecipanti, gli ufficiali di regata, gli organizzatori, lo staff del Marina e del bar-ristorante che tutti insieme hanno contribuito ad un ottima riuscita della manifestazione. “È stata senza dubbio una edizione molto bella e combattuta – commenta il presidente del sodalizio Patavino – che ricorderemo volentieri nonostante il meteo ci abbia messo il bastone tra le ruote in più occasioni”.

A prendere successivamente la parola è stato quindi il presidente del Comitato di regata Gianfranco Frizzarin, per anni alla guida de Il Portodimare:”Complimenti a tutti i regatanti, che anche quest’anno hanno partecipato numerosi al nostro Campionato, nonostante questa appena trascorsa sia stata una stagione molto impegnativa per tanti di voi, con molto e regate importanti. Ci tengo a sottolineare come più della metà degli iscritti di quest’anno abbia partecipato al recente Campionati Italiani di Monfalcone e al Mondiale di Muggia, a conferma del l’alto livello in gara nel nostro campo di regata”.

Le classifiche restano quindi invariate rispetto lo scorso weekend ed in classe Orc 1 premiano per il secondo anno consecutivo l’X-41 del neo eletto presidente della Compagnia della Vela di Venezia Pier Vettor Grimani, davanti a Give Me Five di D’Angelo Enrico e Mister X 3 di Finco Filippo rispettivamente secondo e terzo ma entrambi con sette punti.

In classe Orc 2 a vincere è un’altro Presidente, quello de Il Portodimare Stefano Genova, che grazie ai tre primi posti ottenuti lo scorso fine settimana, guida la classifica davanti all’Italia 12.98 Pax Tibi di Marco Moro e all’Imx 40 Hacker X di Bevilacqua Michele.

Nella classe Orc 3 il Mumm 30 Masquenada di Aristo Federico con Enrico Zennaro alla tattica precede di soli due punti l’Italia 9.98 Fuoriserie Take Five Jr di Brenno Dal Pont, seguito a sua volta dall’X-35 Demon X di Borgatello Nicola e Daniele Lombardo.

La classifica overall dalla classe Orc 1 alla classe Orc 3 vede primeggiare Sideracordis con tre punti di vantaggio su Masquenada e ben cinque su Take Five Jr.l che si aggiudica così il Trofeo Giorgio Scionti.

La classifica generale dalla classe Orc 4 alla Orc 5 vede in prima posizione Era Ora di Pierri Antonio, in seconda posizione a pari-punti Jod H di Zanuso Guido e Moretto di Berti Gabriele terzo.

Nella classe minialtura a trionfare è il Melges 24 di Sergio Caramel, con a bordo gli allievi della scuola velica Arkanoè, vincitore del Trofeo in memoria di Gianmaria Pulina, indimenticabile giudice di regata improvvisamente scomparso qualche anno fa. In seconda posizione il Fat 26 Mind the Gap di Edoardo Marangoni e Nicolò Cavallarin mentre completa io podio il Platu 25 Boomerang di Nicolò Scarpa.

“Sono davvero felice della vittoria che siamo riusciti a conquistare in questo 41 campionato invernale. È per me una doppia soddisfazione, perché oltre alla grande chiusura di stagione, ho potuto condurre alla vittoria il mio equipaggio formato da allievi della scuola velica Arkanoè, combattendo contro la barca più vincente della classe minialtura. Inoltre questo trofeo è molto ambito per me, perché l’ho vinto quarant’anni dopo la prima vittoria assoluta di una nostra barca qui a Chioggia: era il Palmi II, VI classe IOR di 7,70 m. Complimenti a tutti i partecipanti del nostro corso regata, che si sono dimostrati all’altezza di avversari esperti e plurititolati” ha commentato Lo skipper di Arkanoè Aleali Sergio Caramel.

Grazie alla collaborazione con il technical partner Meteomed, piattaforma leader nelle previsioni meteo-marine, sono stati messi in palio per ogni vincitore di categoria un abbonamento premium di un mese, mentre per i secondi classificati un abbonamento premium da 15 giorni e per i terzi classificati un abbonamento base da 15 giorni. Particolarmente ambite sono risultate essere anche le due biciclette messe in palio ad estrazione da Il Portodimare, così come anche altri numerosi premi offerti dagli sponsor.

Il quarantunesimo Campionato Invernale è stato organizzato da Il Portodimare con la collaborazione di Darsena le Saline e Vela Veneta grazie al supporto di Banca Patavina, Meteomed, Bottaro e Keelcrab.

41 Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 1
41 Campionato Invernale d’Altura Classifiche  Prova 2
41°Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 3
41°Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 4
Classifiche generali

Finalmente il sole sul Campionato Invernale

Splende finalmente il sole sul campo di regata di Chioggia, dove in queste settimane si sta disputando la quarantunesima edizione del Campionato Invernale di vela d’Altura organizzato da Il Portodimare in collaborazione con Darsena Le Saline, il moderno Marina situato nel centro storico che nelle sue banchine ospiterà per tutta la durata della manifestazione equipaggi ed imbarcazioni in gara.
Dopo lo stop forzato dello scorso weekend sono in totale tre le prove che il comitato di regata presieduto da Gianfranco Frizzarin è riuscito a portare a termine in questo fine settimana e che portano a quattro il computo in classifica generale. La giornata di sabato ha regalato due nelle manches con vento da Nord Est tra i 15 ed i 18 nodi, mentre la domenica – dopo un attesa dovuta ad una iniziale assenza di vento – si è conclusa con una prova terminata grazie all’intuizione del comitato di regata di ridurre il percorso prima di un repentino ed improvviso calo di vento.
Una volta a terra, terminate le udienze delle proteste, il calcolo dei tempi compensati con l’entrata in gioco dello scarto consegna la vittoria della classe Orc 1 a Sideracordis del neo eletto presidente della Compagnia della Vela di Venezia Pier Vettor Grimani, che a bordo del suo x-41 consolida il vantaggio su Give Me Five di D’Angelo Enrico e Mister X 3 di Finco Filippo entrambi con sette punti.
In classe Orc 2 il Presidente de Il Portodimare Stefano Genova, grazie ai tre primi posti ottenuti nel weekend, guida la classifica davanti all’Italia 12.98 Pax Tibi di Marco Moro e all’Imx 40 Hacker X di Bevilacqua Michele.
Nella classe Orc 3 il Mumm 30 Masquenada di Aristo Federico con Enrico Zennaro alla tattica precede di soli due punti l’Italia 9.98 Fuoriserie Take Five Jr di Brenno Dal Pont, seguito a sua volta dall’X-35 Demon X di Borgatello Nicola e Daniele Lombardo.
La classifica overall dalla classe Orc 1 alla classe Orc 3 vede primeggiare Sideracordis con tre punti di vantaggio su Masquenada e ben cinque su Take Five Jr.
La classifica generale dalla classe Orc 4 alla Orc 5 vede in prima posizione Era Ora di Pierri Antonio, davanti a Jod C di Corazza Sergio e Jod H di Zanuso Guido.
Tutto da seguire sarà il duello finale nella classe Minialtura tra Arkanoè di Sergio Caramel e la plurititolata Mind the Gap di Nicolò Cavallarin ed Edorardo Marangoni attualmente pari punti, con il Melges 24 in prima posizione grazie al miglior risultato ottenuto nell’ultima prova. In terza posizione il Platu 25 Boomerang di Scarpa Nicolò.
Il presidente de Il Portodimare Stefano Genova commenta così lo svolgimento del 41esimo Campionato Invernale di vela d’Altura:“Nonostante lo scorso weekend le prove siano state annullate per la nebbia il comitato di regata ha compensato egregiamente le prove in programma questo fine settimana. Siamo fiduciosi di riuscire a svolgere anche un ulteriore prova domenica prossima, prima della premiazione e dell’estrazione dei premi in palio”. Parole di elogio e ringraziamento vengono spese dal Presidente de Il Portodimare anche nei confronti di Darsena Le Saline e lo staff del medesimo Bar-Ristorante, sempre pronti e disponibili nei confronti di tutti i concorrenti.
Il 41° Campionato Invernale, che terminerà domenica 25 novembre, è organizzato da Il Portodimare con la collaborazione di Darsena le Saline e Vela Veneta grazie al supporto di Banca Patavina, Meteomed, Bottaro e Keelcrab.

41 Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 1
41 Campionato Invernale d’Altura Classifiche  Prova 2
41°Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 3
41°Campionato Invernale d’Altura Classifiche Prova 4
Classifiche generali – Elenco Iscritti e Tabella Zeri

Iniziato il 41° Campionato Invernale d’altura

CHIOGGIA, 5 novembre – Ha preso il via domenica 5 novembre a Chioggia la quarantunesima edizione del Campionato Invernale di vela d’altura organizzato da Il Portodimare con la collaborazione logistica di Darsena le Saline, il moderno marina situato in centro città che lungo le sue banchine ospiterà imbarcazioni ed equipaggi in gara per tutta la durata dell’evento.

Oltre trenta gli equipaggi iscritti al classico appuntamento che chiude la stagione della vela d’altura in Alto Adriatico e che hanno preso il mare al termine dello skipper breafing tenuto dal presidente di regata Gianfranco Frizzarin. Già dalle prime ore del mattino le previsioni meteo dei giorni precedenti sembravano confermare l’arrivo del vento da Sud Est in rinforzo fino a 28 nodi che avrebbe portato con se anche la pioggia.

Continue reading

Nel weekend al via il 41° Campionato Invernale

CHIOGGIA, 2 novembre 2017 – Prenderà il via domenica 5 novembre a Chioggia la quarantunesima edizione del Campionato Invernale d’altura organizzato da Il Portodimare con la collaborazione logistica di Darsena le Saline, il moderno marina situato in centro città che lungo le sue banchine ospiterà imbarcazioni ed equipaggi in gara.

Sono già una trentina le imbarcazioni che figurano nella entry list redatta dalla segreteria del sodalizio velico patavino. In tanti non hanno voluto mancare all’appuntamento che chiude una stagione intensa di eventi nell’Alto Adriatico, e dopo le vittorie ottenute nelle due precedenti edizioni è da segnalare la presenza al Campionato Invernale di Sideracordis, l’X-41 del veneziano Pier Vettor Grimani iscritto in classe 1 insieme a Give me Five di Enrico d’Angelo e Hacker X di Bevilacqua Michele oltre al GS52 Maya di Tognetti Federico.

In classe 2 sarà battaglia tra l’Italia 12.98 Pax Tibi di Marco Moro ed il First 40.7 Due R nel Vento di Roberto Reccanello, non certo un neofita nel mondo della vela con un palmares che comprende 3 titoli italiani, un argento alla Quarter Ton Cup e un quinto posto mondiale.

Continue reading

Venice Hospitality Challenge : Si prepara al via il Gran Premio della Città di Venezia

VCH_2017_Cappello del Doge_Barovier&TosoVenezia, 3 ottobre 2017. Questa mattina, presso The Gritti Palace di Venezia, è stata presentata l’edizione 2017 della Venice Hospitality Challenge che si correrà sabato 14 ottobre alle ore 13.30 nel bacino di San Marco. Un evento unico che abbina sport, lifestyle e luxury in una città unica come Venezia, la sola regata a disputarsi nelle acque interne di un circuito cittadino che la qualifica come vero e proprio Gran Premio velico della città lagunare.

La Venice Hospitality Challenge, organizzata dallo Yacht Club Venezia, ha ottenuto per il quarto anno la partnership della luxury hotellerie veneta e presenta numeri in significativa crescita: rispetto allo scorso anno gli hotel coinvolti sono aumentati da nove a dodici e i Maxi Yacht in gara da dieci a tredici, dodici in rappresentanza dei rispettivi hotel, mentre il tredicesimo, l’indimenticabile Moro di Venezia America’s Cup correrà per la Città di Venezia.

Sulla linea di partenza sfileranno gli hotel veneziani Danieli a Luxury Collection Hotel, The Westin Europa & Regina, The Gritti Palace a Luxury Collection Hotel, Sina Centurion Palace Hotel, Belmond Hotel Cipriani, JW Marriott Venice Resort & Spa, Cà Sagredo Hotel, Hilton Molino Stucky, Excelsior Venice Lido Resort, Palazzina Hotel, oltre a Falisia a Luxury Collection Resort & Spa Portopiccolo di Sistiana (TS) e Cristallo a Luxury Collection Resort & Spa di Cortina d’Ampezzo (BL).

I Team, guidati da skipper di fama internazionale al timone di Maxi Yacht che hanno lasciato il segno nella storia della vela sportiva, si contenderanno l’ambito cappello del doge, realizzato per l’edizione 2017 dalla storica vetreria muranese Barovier & Toso le cui origini, che risalgono al 1295, ne fanno i vetrai più antichi del mondo e la sesta azienda famigliare più longeva tuttora in esercizio.

La conferenza stampa veneziana si è aperta con il saluto di benvenuto di Paolo Lorenzoni, General Manager di The Gritti Palace vincitore dell’edizione 2016 con Nuova Maxi Jena ed è proseguita con la presentazione del video teaser di Venice Hospitality Challenge 2017, un inno alla vela e al fascino della città più magica del mondo. Ha preso quindi la parola Mirko Sguario, ideatore dell’evento e Presidente dello Yacht Club Venezia che ha descritto il percorso di regata che avrà il suo apice nel Bacino di San Marco, presentando i Maxi Yacht, gli skipper abbinati agli Hotel e il programma dell’edizione 2017. Tra le novità presentate a Venezia, la prestigiosa partnership con la Marina Militare, che consentirà agli ospiti – esclusivamente su invito – di vivere un’esperienza irripetibile: una Cena di Gala al termine dell’evento a bordo del veliero della Marina Militare “Amerigo Vespucci”.

La Venice Hospitality Challenge è l’unica regata che porta imbarcazioni con una lunghezza minima di 60 piedi in un circuito cittadino – ha sottolineato Mirko Sguario, ideatore e promotore dell’evento, Presidente dello Yacht Club Venezia e già creatore della San Pellegrino Cooking Cup – ed è per questo che ormai possiamo davvero considerarla il Gran Premio di Venezia per la vela, così come per la Formula 1 lo è il Gran Premio di Monaco. Una scelta vincente che richiama ogni anno un maggior numero di partner prestigiosi, segnale che la città vede questo evento come importante motivo di richiamo non solo per i tanti appassionati di vela, ma anche per tutti i visitatori della Serenissima provenienti da ogni parte del mondo ”.

Fra i relatori Francesca Rogliani, Consigliere Comunale che ha portato i saluti della Città di Venezia, il Comandante Massimo Fabbri della Scuola Navale Morosini, Lorenza Lain – Cà Sagredo Hotel, Giampaolo Ottazzi – Belmond Hotel Cipriani, Giovanna Caprioglio – Palazzina Hotel, Alessandra Pagano – The Westin Europa & Regina, Alessandro De Medici – Hotel Danieli, Ilio Rodoni – Hilton Molino Stucky, Angelo Vignola – JW Marriott Venice, Paolo Morra – SINA Centurion Palace e Alessio Lazazzera – Hotel Excelsior Venice Lido Resort, che hanno confermato grande soddisfazione per questo evento esclusivo che, associando l’hospitality di alto livello allo sport velico, colloca ancora una volta la città di Venezia al centro del palcoscenico mondiale.

La manifestazione, organizzata dallo Yacht Club Venezia, si avvale del sostegno di sponsor prestigiosi quali Generali Italia, Marina Yachting e Moët & Chandon. Autorevoli i Media Partner della Venice Hospitality Challenge 2017: AD Architectural Digest Condè Nast, Circle Dynamic Luxury Magazine, Excellence Magazine e Venezia Made in Veneto alle quali si aggiunge la preziosa collaborazione di Alilaguna, CMV Panfido, Scuola Navale Militare Francesco Morosini, Marina Militare e VYP Venice Yacht Pier.

Venice Hospitality Challenge 2017 – Team in gara

  • Pendragon VI – Hilton Molino Stucky – skipper Salvatore Eulisse
  • Adriatic Europa – Hotel Danieli, a Luxury Collection Hotel, Venice- skipper Dušan Puh
  • AnyWave – Belmond Hotel Cipriani – skipper Alberto Leghissa
  • Shining Umag Umago – SINA Centurion Palace – skipper Zeljko Perovic Huck
  • Cleansport One – JW Marriott Venice Resort & Spa, Venice – skipper Jure Orel
  • Ancilla Domini – Palazzina Hotel – skipper Mauro Pelaschier
  • Idrusa – The Westin Europa & Regina, Venice – skipper Paolo Montefusco
  • Nuova Maxi Jena – The Gritti Palace, a Luxury Collection Hotel, Venice – skipper Mitja Kosmina
  • Spirit of Portopiccolo – Cà Sagredo Hotel – skipper Furio Benussi
  • Il Moro di Venezia II – Hotel Excelsior Venice Lido Resort – skipper Cristiana Monina
  • Anemos – Falisia, a Luxury Collection & Resort Spa, Portopiccolo – skipper Guglielmo Danelon
  • Kiwi – Cristallo, a Luxury Collection Resort & Spa, Cortina d’Ampezzo – skipper Paolo Pesaresi
  • Il Moro di Venezia America’s Cup – Città di Venezia – skipper Claudio Carraro

Programma della regata

Il briefing equipaggi si terrà alla Scuola Navale Francesco Morosini alle 10.30 di sabato 14 ottobre mentre il via alla regata è previsto per le 13.30. Base della flotta sarà il Marina Santelena mentre il bacino di San Marco, punto focale del percorso, permetterà al pubblico di seguire dalle rive una competizione spettacolare nella cornice della città più bella del mondo. Le premiazioni avranno luogo alle Zattere presso la banchina VYP Venice Yacht Piers a diretto contatto con la cittadinanza alle 16.30 circa.

41° Campionato invernale – Il Portodimare 5-26 novembre 2017

41CampionatoInvernaleeDal 5 al 26 novembre Il Portodimare organizza a Chioggia in collaborazione con Darsena le Saline la quarantunesima edizione del Campionato Invernale.

Le imbarcazioni partecipanti al Campionato non residenti a Chioggia, saranno ospitate per il periodo della Manifestazione, presso Darsena le Saline.

Il Campionato si articolerà su cinque giornate: 5-11-12-19-26 novembre, 18 e 25 novembre 2017, eventuali recuperi. Il Campionato sarà valido con qualsiasi numero di prove disputate. Si potranno disputare più prove al giorno.

L’ammissione è consentita a tutte le imbarcazioni d’altura in possesso di un valido certificato di stazza ORC (stan- dard o ORC Club) e/o IRC ( Standard o semplificato) con LOA > 8.50. Le imbarcazioni potranno essere suddivise in classi e/o raggruppamenti a seconda del numero degli iscritti. Crociera/Regata,
Minialtura, secondo definizione della vigente normativa FIV Vela d’Altura, in particolare i natanti dovranno essere monoscafi, a deriva fissa zavorrata, LOA inferiore ai 10 mt, con dislocamento inferiore ai 2000 Kg, sprovviste di trapezi.

Le iscrizioni del Campionato Invernale, dovranno pervenire presso la segreteria del PORTODIMARE, situata in Via G. Acerbi 3, 35136 PADOVA (Zona Montà) Tel/fax 049/713290, entro giovedì 2 novembre 2017 e saranno perfezio- nate allo Sporting Club, presso la segreteria della Manifestazione, accompagnate da:

  • fotocopia del certificato di stazza
  • Ogni imbarcazione partecipante deve avere una adeguata copertura assicurativa di responsabilità civile contro terzi, con estensione alla partecipazione alle regate di un massimale minimo € 1.500.000,00 come da Corsivo FIV alla RRS 68
  • Lista equipaggio e/o fotocopia di valida tessera FIV di ogni suo componente con l’annotazione sanitaria. Licenza FIV per l’esposizione della pubblicità
  • dichiarazione di responsabilità
  • tassa di iscrizione entro le ore 17 del 4 novembre

Quota di iscrizione: € 300,00 cl. A,1,2 , € 250,00 cl. 3, 4, 5, € 200,00 categoria MINIALTURA Banca Credito cooperativo di Piove di Sacco. Coordinate bancarie: IT 36K 0872 812105000000022527

“Le imbarcazioni iscritte regolarmente entro il 15 ottobre avranno uno sconto del 15% sulla quota d’iscrizione”

Clicca qui per visualizzare il bando di regata

Ritorna la Venice Hospitality Challenge, il gran premio della vela nel cuore di Venezia

La Venice Hospitality Challenge 2017 si disputerà sabato 14 ottobre e sarà organizzata e diretta da Mirko Sguario, fondatore dello Yacht Club Venezia e promotore di molte celebri regate della Serenissima. L’evento si avvale dell’importante sostegno di Generali Italia, Marina Yachting e Moët & Chandon. Ambito premio per i vincitori sarà, come di consueto, l’esclusivo cappello del doge realizzato appositamente per questa edizione dalla storica vetreria muranese Barovier & Toso le cui origini risalgono al 1295.

La Venice Hospitality Challenge, Gran Premio della Città di Venezia, vedrà per il quarto anno consecutivo la partnership dell’eccellenza alberghiera del Veneto e, protagonisti sul campo di regata, celebri skipper e Maxi Yacht che hanno lasciato il segno nella storia della vela sportiva internazionale.

Così come la singolarità del Gran Premio di Montecarlo è dovuta al suo circuito cittadino, anche la Venice Hospitality Challenge, grazie a un percorso unico che si snoda interamente nel bacino di San Marco, offre al pubblico uno spettacolo indimenticabile nella cornice della città più bella del mondo.

Questa quarta edizione, forte di una formula vincente che associa lo sport della vela al mondo del luxury, conferma e migliora il successo delle precedenti. Sulla linea di partenza saranno schierati ben tredici Maxi Yacht, ognuno impegnato a difendere i colori del proprio hotel in una competizione che non manca mai di stupire. Alle imbarcazioni corrispondono i grandi nomi dell’alta hotellerie veneta: Hotel Danieli, The Westin Europa Regina, The Gritti Palace, Hotel Centurion Palace, Belmond Hotel Cipriani, JW Marriott Venice Resort & Spa, Cà Sagredo Hotel, Hilton Molino Stucky, Falisia Resort di Portopiccolo Sistiana ai quali si aggiungono quest’anno Hotel Excelsior, Palazzina G e Cristallo Resort di Cortina d’Ampezzo. L’indimenticabile Moro di Venezia rappresenterà invece la Città di Venezia.

Super Atax alla Palermo Montecarlo

Una delle regate più attese dell’offshore internazionale, la Palermo-Montecarlo, è scattata stamattina alle 12.00 dal Golfo di Mondello, in prossimità della sede del Circolo della Vela Sicilia(organizzatore della regata in collaborazione con lo Yacht Club de Monaco e lo Yacht Club Costa Smeralda). Al momento dello start c’era un vivace ma irregolare vento da Maestrale intorno ai 12 nodi.

Presente allo start anche il guidone de Il Portodimare, a bordo di Super Atax di Marco Bertozzi.

Ora le barche stanno risalendo il Mediterraneo lungo la costa della Sardegna (a Porto Cervo ci sarà un “cancello”), poi la Corsica e infine l’approdo nel Principato di Monaco dopo quasi 500 miglia non-stop. Vento permettendo, i primi scafi dovrebbero attraccare nel porto di Montecarlo nella giornata di mercoledì.

Il Portodimare sul tetto del mondo con Airis al Mondiale ORC di Trieste

airis

TRIESTE, 9 luglio 2017 – Si è concluso nella giornata di ieri l’ORC Worlds Trieste 2017, il campionato del mondo di vela d’altura che si è svolto dal 2 fino all’8 luglio nelle acque del golfo di Trieste.

Organizzato dallo Yacht Club Porto San Rocco a capo di un comitato di circoli velici del quale fanno parte Yacht Club Adriaco, Triestina della Vela, Società Velica di Barcola e Grignano, Circolo della Vela Muggia, TPK Circolo Nautico Triestino Sirena e Yachting Club Portoroz ha visto la presenza di oltre 130 imbarcazioni, provenienti da 19 nazioni in rappresentanza di Gran Bretagna, Grecia, Russia, Germania, Ucraina, Finlandia, Turchia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Spagna, Estonia, Repubblica Ceca, Malta, Croazia, Cipro, Austria, Slovenia e Italia che si sono date battaglia sui due campi di regata allestiti sulle acque triestine.

Ad aggiudicarsi il titolo iridiato in classe C – dopo il bronzo ottenuto a bordo del GS 42 nel mondiale ORC 2012 ad Helsinki – è il Melges 32 di Cesare Bressan. Il socio de Il Portodimare grazie alle ultime due regate tiratissime, culminate con una doppietta di giornata, riesce a conquistare il titolo mondiale, superando Sease il Farr30 dei fratelli Franco e Giacomo e Loro Piana e l’altro Farr30 Mummy One Lab Met di Alessio Querin.

A bordo di Airis oltre all’armatore Cesare Bressan hanno regatato Roberto Monti, Diogo Cayolla, Michele Gregoratto, Victor Marino, Glauco Turco Albatros, e Vittorio Zaoli.

Una scelta rischiosa, quella dell’armatore padovano di presentarsi al Campionato del Mondo ORC con una barca monotipo, che però si è rivelata vincente tanto da aggiudicarsi quattro primi posti su otto prove totali. “È stato un campionato giocato fino alla fine – commenta a caldo Cesare Bressan – tanto che la penultima prova non sapevamo i risultati e abbiamo dovuto regatare l’ultima giocandoci il tutto per tutto, dando il massimo ed essendo la barca più veloce abbiamo dovuto allungare il più possibile il distacco dai nostri rivali. È stato sicuramente un campionato abbastanza teso. Il progetto di regatare con un Melges 32 su una regata a compensi è nato l’anno scorso al mondiale di Copenaghen, abbiamo visto delle prestazioni interessanti nel gruppo C e così quest’inverno abbiamo evoluto il progetto con Maurizio Cossutti, andando a creare una chiglia nuova ed altre ulteriori modifiche, l’ultima delle quali apportata proprio dopo l’Italiano di Monfalcone, che sebbene non sia stata una manifestazione vincente per noi, è stata sicuramente fondamentale per il lavoro che siamo andati a fare”.

Da sottolineare anche il bronzo conquistato in Classe A da Riccardo Ravagnan a bordo dello Swan 42 Sheraa dell’armatore Poser Maurizio e timonato da Enrico Zennaro con il ruolo di meteorologo.

Erano in totale sei le imbarcazioni de Il Portodimare presenti alla rassegna continentale. In classe B Due R nel Vento – il First 40.7 di Roberto Reccanello – è 28esimo, l’Italia 12.98 di Marco Moro e Alberto Illoti Pax Tibi è 41esima mentre in classe C oltre ad Airis risultata vincitrice, l’X-35 X-Real di Federico Servadio è 15esimo, Demon X di Nicola Borgatello e Daniele Lombardo è 17esimo, Olalla il First 35 di Fabrizio Cazzoli è 20esimo.

A portare i complimenti di tutto Il Portodimare è il presidente del sodalizio patavino Stefano Genova:”Grazie a Cesare Bressan e all’equipaggio di Airis che hanno vinto il campionato mondiale ORC portando nel gradino più alto del podio il guidone del Portodimare. Complimenti anche a Riccardo Ravagnan per il bronzo ottenuto a bordo di Sheraa dopo l’argento conquistato al Campionato Italiano. Visto l’alto livello degli atleti in gara porgo i miei complimenti anche agli altri equipaggi dei soci del Portodimare. Un ringraziamento a tutti da parte del consiglio del Circolo”.