Il Portodimare

Associazione sportiva dilettantistica dal 1975

fiv

Il Portodimare - Associazione sportiva dilettantistica dal 1975

41° Campionato invernale – Il Portodimare 5-26 novembre 2017

Dal 5 al 26 novembre Il Portodimare organizza a Chioggia in collaborazione con Darsena le Saline la quarantunesima edizione del Campionato Invernale.

Le imbarcazioni partecipanti al Campionato non residenti a Chioggia, saranno ospitate per il periodo della Manifestazione, presso Darsena le Saline.

Il Campionato si articolerà su cinque giornate: 5-11-12-19-26 novembre, 18 e 25 novembre 2017, eventuali recuperi. Il Campionato sarà valido con qualsiasi numero di prove disputate. Si potranno disputare più prove al giorno.

L’ammissione è consentita a tutte le imbarcazioni d’altura in possesso di un valido certificato di stazza ORC (stan- dard o ORC Club) e/o IRC ( Standard o semplificato) con LOA > 8.50. Le imbarcazioni potranno essere suddivise in classi e/o raggruppamenti a seconda del numero degli iscritti. Crociera/Regata,
Minialtura, secondo definizione della vigente normativa FIV Vela d’Altura, in particolare i natanti dovranno essere monoscafi, a deriva fissa zavorrata, LOA inferiore ai 10 mt, con dislocamento inferiore ai 2000 Kg, sprovviste di trapezi.

Le iscrizioni del Campionato Invernale, dovranno pervenire presso la segreteria del PORTODIMARE, situata in Via G. Acerbi 3, 35136 PADOVA (Zona Montà) Tel/fax 049/713290, entro giovedì 2 novembre 2017 e saranno perfezio- nate allo Sporting Club, presso la segreteria della Manifestazione, accompagnate da:

  • fotocopia del certificato di stazza
  • Ogni imbarcazione partecipante deve avere una adeguata copertura assicurativa di responsabilità civile contro terzi, con estensione alla partecipazione alle regate di un massimale minimo € 1.500.000,00 come da Corsivo FIV alla RRS 68
  • Lista equipaggio e/o fotocopia di valida tessera FIV di ogni suo componente con l’annotazione sanitaria. Licenza FIV per l’esposizione della pubblicità
  • dichiarazione di responsabilità
  • tassa di iscrizione entro le ore 17 del 4 novembre

Quota di iscrizione: € 300,00 cl. A,1,2 , € 250,00 cl. 3, 4, 5, € 200 categoria MINIALTURA Banca Credito cooperativo di Piove di Sacco. Coordinate bancarie: IT 36K 0872 812105000000022527

“Le imbarcazioni iscritte regolarmente, con copia di bonifico,  entro il 15 ottobre avranno uno sconto del 15% sulla quota d’iscrizione”

Clicca qui per visualizzare il bando di regata

I nostri ragazzi nella Top 5 delle European Sailing Series Melges 24

Montura_ago201700025Nella ranking European Sailing Series Melges 24 aggiornata dopo il Mondiale di Helsinki, i ragazzi di Arkanoè Aleali by Montura salgono al quinto posto corinthian, su 55 partecipanti provenienti da 17 nazioni. Si tratta di un risultato davvero importante per il più giovane timoniere, Sergio Caramel (classe 1995) e per il più giovane equipaggio con un’età media di 21 anni composto da Filippo Orvieto, Margherita Zanuso, RIccardo e Federico Gomiero.

Per ITA139, il Melges 24 con più anni sulle spalle, dopo aver vinto un’indimenticabile mondiale con Giorgio Zuccoli nel 2000, continua la sua corsa dimostrandosi sempre velocissima ed affidabile, anche tra le onde del Golfo di Finlandia, oltre che tra i venti dell’alto Lago di Garda. Per rivedere il giovane team in acqua dovremo aspettare la Barcolana e la tappa conclusiva del circuito Melges 24 a Luino

Ritorna la Venice Hospitality Challenge, il gran premio della vela nel cuore di Venezia

La Venice Hospitality Challenge 2017 si disputerà sabato 14 ottobre e sarà organizzata e diretta da Mirko Sguario, fondatore dello Yacht Club Venezia e promotore di molte celebri regate della Serenissima. L’evento si avvale dell’importante sostegno di Generali Italia, Marina Yachting e Moët & Chandon. Ambito premio per i vincitori sarà, come di consueto, l’esclusivo cappello del doge realizzato appositamente per questa edizione dalla storica vetreria muranese Barovier & Toso le cui origini risalgono al 1295.

La Venice Hospitality Challenge, Gran Premio della Città di Venezia, vedrà per il quarto anno consecutivo la partnership dell’eccellenza alberghiera del Veneto e, protagonisti sul campo di regata, celebri skipper e Maxi Yacht che hanno lasciato il segno nella storia della vela sportiva internazionale.

Così come la singolarità del Gran Premio di Montecarlo è dovuta al suo circuito cittadino, anche la Venice Hospitality Challenge, grazie a un percorso unico che si snoda interamente nel bacino di San Marco, offre al pubblico uno spettacolo indimenticabile nella cornice della città più bella del mondo.

Questa quarta edizione, forte di una formula vincente che associa lo sport della vela al mondo del luxury, conferma e migliora il successo delle precedenti. Sulla linea di partenza saranno schierati ben tredici Maxi Yacht, ognuno impegnato a difendere i colori del proprio hotel in una competizione che non manca mai di stupire. Alle imbarcazioni corrispondono i grandi nomi dell’alta hotellerie veneta: Hotel Danieli, The Westin Europa Regina, The Gritti Palace, Hotel Centurion Palace, Belmond Hotel Cipriani, JW Marriott Venice Resort & Spa, Cà Sagredo Hotel, Hilton Molino Stucky, Falisia Resort di Portopiccolo Sistiana ai quali si aggiungono quest’anno Hotel Excelsior, Palazzina G e Cristallo Resort di Cortina d’Ampezzo. L’indimenticabile Moro di Venezia rappresenterà invece la Città di Venezia.

Super Atax alla Palermo Montecarlo

Una delle regate più attese dell’offshore internazionale, la Palermo-Montecarlo, è scattata stamattina alle 12.00 dal Golfo di Mondello, in prossimità della sede del Circolo della Vela Sicilia(organizzatore della regata in collaborazione con lo Yacht Club de Monaco e lo Yacht Club Costa Smeralda). Al momento dello start c’era un vivace ma irregolare vento da Maestrale intorno ai 12 nodi.

Presente allo start anche il guidone de Il Portodimare, a bordo di Super Atax di Marco Bertozzi.

Ora le barche stanno risalendo il Mediterraneo lungo la costa della Sardegna (a Porto Cervo ci sarà un “cancello”), poi la Corsica e infine l’approdo nel Principato di Monaco dopo quasi 500 miglia non-stop. Vento permettendo, i primi scafi dovrebbero attraccare nel porto di Montecarlo nella giornata di mercoledì.

Il Portodimare sul tetto del mondo con Airis al Mondiale ORC di Trieste

airis

TRIESTE, 9 luglio 2017 – Si è concluso nella giornata di ieri l’ORC Worlds Trieste 2017, il campionato del mondo di vela d’altura che si è svolto dal 2 fino all’8 luglio nelle acque del golfo di Trieste.

Organizzato dallo Yacht Club Porto San Rocco a capo di un comitato di circoli velici del quale fanno parte Yacht Club Adriaco, Triestina della Vela, Società Velica di Barcola e Grignano, Circolo della Vela Muggia, TPK Circolo Nautico Triestino Sirena e Yachting Club Portoroz ha visto la presenza di oltre 130 imbarcazioni, provenienti da 19 nazioni in rappresentanza di Gran Bretagna, Grecia, Russia, Germania, Ucraina, Finlandia, Turchia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Spagna, Estonia, Repubblica Ceca, Malta, Croazia, Cipro, Austria, Slovenia e Italia che si sono date battaglia sui due campi di regata allestiti sulle acque triestine.

Ad aggiudicarsi il titolo iridiato in classe C – dopo il bronzo ottenuto a bordo del GS 42 nel mondiale ORC 2012 ad Helsinki – è il Melges 32 di Cesare Bressan. Il socio de Il Portodimare grazie alle ultime due regate tiratissime, culminate con una doppietta di giornata, riesce a conquistare il titolo mondiale, superando Sease il Farr30 dei fratelli Franco e Giacomo e Loro Piana e l’altro Farr30 Mummy One Lab Met di Alessio Querin.

A bordo di Airis oltre all’armatore Cesare Bressan hanno regatato Roberto Monti, Diogo Cayolla, Michele Gregoratto, Victor Marino, Glauco Turco Albatros, e Vittorio Zaoli.

Una scelta rischiosa, quella dell’armatore padovano di presentarsi al Campionato del Mondo ORC con una barca monotipo, che però si è rivelata vincente tanto da aggiudicarsi quattro primi posti su otto prove totali. “È stato un campionato giocato fino alla fine – commenta a caldo Cesare Bressan – tanto che la penultima prova non sapevamo i risultati e abbiamo dovuto regatare l’ultima giocandoci il tutto per tutto, dando il massimo ed essendo la barca più veloce abbiamo dovuto allungare il più possibile il distacco dai nostri rivali. È stato sicuramente un campionato abbastanza teso. Il progetto di regatare con un Melges 32 su una regata a compensi è nato l’anno scorso al mondiale di Copenaghen, abbiamo visto delle prestazioni interessanti nel gruppo C e così quest’inverno abbiamo evoluto il progetto con Maurizio Cossutti, andando a creare una chiglia nuova ed altre ulteriori modifiche, l’ultima delle quali apportata proprio dopo l’Italiano di Monfalcone, che sebbene non sia stata una manifestazione vincente per noi, è stata sicuramente fondamentale per il lavoro che siamo andati a fare”.

Da sottolineare anche il bronzo conquistato in Classe A da Riccardo Ravagnan a bordo dello Swan 42 Sheraa dell’armatore Poser Maurizio e timonato da Enrico Zennaro con il ruolo di meteorologo.

Erano in totale sei le imbarcazioni de Il Portodimare presenti alla rassegna continentale. In classe B Due R nel Vento – il First 40.7 di Roberto Reccanello – è 28esimo, l’Italia 12.98 di Marco Moro e Alberto Illoti Pax Tibi è 41esima mentre in classe C oltre ad Airis risultata vincitrice, l’X-35 X-Real di Federico Servadio è 15esimo, Demon X di Nicola Borgatello e Daniele Lombardo è 17esimo, Olalla il First 35 di Fabrizio Cazzoli è 20esimo.

A portare i complimenti di tutto Il Portodimare è il presidente del sodalizio patavino Stefano Genova:”Grazie a Cesare Bressan e all’equipaggio di Airis che hanno vinto il campionato mondiale ORC portando nel gradino più alto del podio il guidone del Portodimare. Complimenti anche a Riccardo Ravagnan per il bronzo ottenuto a bordo di Sheraa dopo l’argento conquistato al Campionato Italiano. Visto l’alto livello degli atleti in gara porgo i miei complimenti anche agli altri equipaggi dei soci del Portodimare. Un ringraziamento a tutti da parte del consiglio del Circolo”.

Il Portodimare ai mondiali ORC di Trieste e Melges 24 in Finlandia

coppa adriaticoTerminato da poco il Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura nelle acque di Monfalcone, per la flotta di imbarcazioni degli armatori de Il Portodimare – il quarantennale sodalizio velico con sede a Padova – è già tempo di pensare all’ORC Worlds Trieste 2017, il campionato del mondo di vela d’altura che si svolge fino all’8 luglio nelle acque del golfo di Trieste. Il Campionato del Mondo è organizzato dallo Yacht Club Porto San Rocco a capo di un comitato di circoli velici del quale fanno parte Yacht Club Adriaco, Triestina della Vela, Società Velica di Barcola e Grignano, Circolo della Vela Muggia, TPK Circolo Nautico Triestino Sirena e Yachting Club Portoroz.

Saranno oltre 130 le imbarcazioni, provenienti da 19 nazioni in rappresentanza di Gran Bretagna, Grecia, Russia, Germania, Ucraina, Finlandia, Turchia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Spagna, Estonia, Repubblica Ceca, Malta, Croazia, Cipro, Austria, Slovenia e Italia che – suddivise in tre classi – si daranno battaglia nel Golfo di Trieste. Sono sei gli armatori del sodalizio patavino presieduto da Stefano Genova che rappresenteranno alla manifestazione intercontinentale il guidone de Il Portodimare. A prendere parte alla kermesse infatti in classe B sono stati inseriti il First 40 “2 R nel vento” di Roberto Reccanello e l’Italia 12.98 “Pax Tibi” di Marco Moro e Alberto Illotti, mentre in classe C trovano posto “Airis” il Melges 32 di Cesare Bressan, “Olalla” il First 35 di Fabrizio Cazzoli, ed i due X-35 “Demon X” di Nicola Borgatello ed “X-Real” di Federico Servadio.

Il guidone de Il Portodimare sarà poi rappresentato dal 28 luglio al 4 agosto in Finlandia – dove si svolgerà il Campioanto Mondiale della classe Melges 24 – dai giovanissimi ragazzi di Arkanoè AleAli by Montura. Ad oggi, a poco meno di un mese dall’evento, sono già oltre una sessantina le imbarcazioni iscritte.

A parlare è Sergio Caramel, skipper del giovane team e nipote del socio fondatore e primo presidente de Il Portodimare Sergio Palmi Caramel:”Parteciperemo per la prima volta al Mondiale Melges 24. Raggiungeremo Helsinki il 24 luglio, navigheremo in un campo di regata che non conosciamo. La nostra Ita 139 è la barca con più anni sulle spalle e noi come sempre saremo l’equipaggio più giovane al via. Per ora gli iscritti sono circa 70, con 4 Italiani già confermati. Si tratta di Maidollis, vice Campione Mondiale in carica, di Taki 4, Campione Mondiale corinthian in carica, Altea vincitore della ranking Europea 2016 e noi, possiamo dire di essere proprio in buona compagnia! Cercheremo di fare del nostro meglio, come sempre, e cercheremo di onorare la Bandiera Italiana ed il guidone del Portodimare.”

IMG_0416

“Siamo soddisfatti della nuova, importante crescita della classe Melges 24, e dei miglioramenti dei ragazzi che oggi sono sesti nella ranking Europea corinthian dopo 3 eventi con 42 partecipanti. Il nostro obbiettivo principale a lungo termine è arrivare al massimo della preparazione all’Europeo 2018 che si correrà proprio a Riva, e il Mondiale Finlandese sarà uno dei passi più importanti e difficili da compiere per la crescita del team. A Helsinki, che raggiungeremo grazie a Melsped TrasportiInternazionali, i ragazzi presenteranno anche la prima cerata del nostro main sponsor Montura, dopo 3 stagioni di preparazione e di test.” ha commentato il Team Manager di Arkanoè AleAli by Montura Claudio Caramel.

“Desidero augurare buon vento a tutti i nostri equipaggi impegnati in queste importanti competizioni internazionali” commenta il presidente de Il Portodimare Stefano Genova. “Desidero inoltre esprimere un in bocca al lupo per a trasferta finlandese dei nostri giocavi ragazzi di Arkanoè Aleali, e complimentarmi con il loro team manager dott. Claudio Caramel per gli ottimi risultati ottenuti nel corso di questa stagione” ha concluso Genova.

Il guidone de Il Portodimare sventola su 8 imbarcazioni partecipanti al Campionato Italiano Assoluto d’Altura

coppa adriatico

Sono otto le imbarcazioni che rappresenteranno i colori de Il Portodimare – il sodalizio velico padovano presieduto da Stefano Genova – al prossimo Campionato Italiano Assoluto di vela d’Altura, che si svolgerà a partire da martedì 20 fino a sabato 24 giugno p.v. a Monfalcone.

Ad organizzare l’evento, che vedrà complessivamente la presenza di oltre settanta imbarcazioni provenienti da tutta Italia, sarà lo Yacht club Hannibal. In un edizione che si preannuncia da record, sarà invece proprio Il Portodimare il circolo con il maggior numero di imbarcazioni iscritte all’evento.

A far sventolare il guidone ultra quarantennale blu e bianco del sodalizio con sede a Padova ci saranno il First 40 “Due r Nel Vento” di Roberto Reccanello, che si presenta al via con il titolo di Campione Italiano conquistato lo scorso anno nelle acque di Palermo da difendere e che è stato inserito nel gruppo A insieme ai due Italia 12.98, Karma di Vladimiro Pegoraro e Pax Tibi degli armatori Marco Moro e Alberto Illotti.

Ripetere l’eccellente risultato dello scorso anno non sarà sicuramente una sfida facile, abbiamo comunque cercato di prepararci al meglio con un team che vede aggregati alcuni dei più forti nomi del panorama velico nazionale. Trovare un posto nei piani alti della classifica, per una barca che pur vantando un elenco notevole di vittorie, rimane comunque una barca da crociera strettamente di serie e datata 2009 non sarà semplice ma venderemo cara la pelle” ha dichiarato l’armatore di 2R nel Vento Roberto Reccanello, negli anni passati al timone anche de Il Portodimare nelle vesti di presidente.

In gruppo B trovano spazio i due X-35 Demon X di Nicola Borgatello e Daniele Lombardo ed X- Real di Federico Servadio, il First 35 Olalla di Cazzoli Fabrizio, il Grand Soleil 37 Arka di Roul Piero e Perini Luciano e Airis, il Melges 32 modificato ed ottimizzato di Cesare Bressan.

Si è invece concluso nelle scorse settimane, con il secondo posto nella categoria Corinthian, il Campionato Nazionale della classe Melges 24 che ha visto impegnati nel campo di regata di Riva del Garda i giovanissimi di Arkanoè AleAli by Montura, dell’armatore Sergio Caramel nipote del socio fondatore e primo presidente de Il Portodimare Sergio Palmi Caramel.

Complimenti all’equipaggio di Arkanoè Aleali by Montura e al loro team Manager Claudio Caramel per gli ottimi risultati ottenuti a Riva del Garda con il loro Melges 24, visto e considerato anche la presenza di molti professionisti. Desidero aggiungere che la prossima settimana inizia il Campionato Italiano Assoluta Altura 2017,che si svolgerà nelle acque antistanti al porto di Monfalcone, e ad oggi, ci sono ben 6 imbarcazioni iscritte con a bordo i soci del PDM, Sicuramente parteciperanno i migliori atleti nazionali ed internazionali, pertanto vedremo delle bellissime regate molto combattute, dove i nostri equipaggi daranno il massimo. Devo ringraziare tutto il consiglio del Portodimare per il lavoro svolto, in particolare ‘Emilia Barbieri ed il mio predecessore Frizzarin Gianfranco per la preziosa collaborazioneche fin qui hanno offerto a me e al circolo” ha commentato il presidente de Il Portodimare Stefano Genova.

Pronti con il V Trofeo Principato di Monaco e le Vele d’Epoca

Vele-Epoca-Venezia-16-550x300Grande spettacolo a Venezia sabato 24 e domenica 25 giugno con il V Trofeo Principato di Monaco le Vele d’Epoca in Laguna, Banca Generali Special Cup, un evento promosso da Anna Licia Balzan, Console Onorario del Principato di Monaco a Venezia, con il sostegno di Banca Generali, Main Sponsor della manifestazione per il secondo anno consecutivo, in collaborazione con la Marina Militare di Venezia.

Per il terzo anno il Trofeo, seconda tappa della “Coppa A.I.V.E. dell’Adriatico” 2017, si rivolge alle imbarcazioni classiche ed è organizzato con la Direzione del Turismo e dei Congressi del Principato di Monaco a Milano, lo Yacht Club Venezia, il Circolo Velico PortodiMare. Nella straordinaria cornice della laguna più famosa del mondo le “Signore del Mare” si sfideranno sotto la direzione sportiva di Mirko Sguario, fondatore dello Yacht Club Venezia e promotore di celebri regate della Serenissima.

Continue reading

La Coppa Italia Minialtura ancora nelle mani di Mind the Gap

IMG_9528È ancora una volta Mind the Gap, il fat 26 degli armatori Nicolò Cavallarin ed Edoardo Marangoni ad aggiudicarsi la Coppa Italia Minialtura, la manifestazione organizzata nel weekend da Il Portodimare in collaborazione con Vela Veneta e Darsena le Saline, che si è svolta a Chioggia in occasione del Trofeo Leon riservato alla classe meteor e del Trofeo Ferro per la classe minialtura.

IMG_9722

Bottino pieno per quanto riguarda il computo totale delle prove realizzate, con tutte e sei le prove in programma portate a termine dal comitato di regata, sapientemente presieduto da Gianfranco Frizzarin. Nella giornata di sabato una brezza, seppur leggera, ha permesso lo svolgimento delle prime tre regate che hanno visto un intenso lavoro da parte dei tattici di bordo a causa delle continue oscillazioni del vento. La giornata di domenica ha risentito invece delle perturbazioni in arrivo in serata e che non hanno fatto entrare la brezza ma hanno alzato un vento disteso da Ovest di media intensità, che ha però regalato grande spettacolo in acqua grazie anche al mare poco mosso.

Numerosa la flotta di Ufo 22 che hanno preso parte alla manifestazione, importante warm up in vista del campionato nazionale di classe che si terrà nelle stesse acque a partire già da venerdì prossimo.

Detto della vittoria di Mind the Gap, imbarcazione che si aggiudica anche il Trofeo Ferro come primo minialtura classificato e che bissa il successo ottenuto lo scorso anno, la classifica generale vede al secondo ed al terzo posto due Ufo 22, Freedom di Capitanio Remo davanti ad EraOra di Errico Pasquale. Quinto posto in classifica generale per il meteor Asiatyco di Corrado Perini che si aggiudica il Trofeo Leon.

Non è stata una regata semplice – commentano dal team di Mind the Gap – in quanto soprattutto nella giornata di domenica a causa del vento forte abbiamo avuto a bordo diverse rotture che hanno complicato la nostra navigazione in regata“.

È stata sicuramente una bella manifestazione – commenta il presidente de Il Portodimare Stefano Genova - belle giornate di mare con dei bei equipaggi. Continua il dominio di Mind the Gap, ma va sottolineata la rincorsa agguerrita degli ufetti che promettono sicuramente grande spettacolo nelle prossime regate del loro campionato nazionale“.

La Coppa Italia Minialtura è stata organizzata da Il Portodimare con la collaborazione di Darsena le Saline e Vela Veneta, sotto l’autorità della Federazione Italiana Vela e dell’UVAI. Parter della manifestazione sono: Conselve – Vigneti e Cantine, Banca Patavina e Nanoprom.

Clicca qui per visualizzare la classifica
Clicca qui per visualizzare la photogallery

Be Wild e Sarchiapone si aggiudicano la prima edizione della Coppa Adriatico

coppa adriaticoCHIOGGIA, 14 maggio 2017 – Si conclude con tre splendide prove la prima edizione della Coppa Adriatico, la nuova manifestazione organizzata da Il Portodimare in collaborazione con Velaveneta.it e con la partnership logistica di Darsena le Saline ed il patrocinio del Comune di Chioggia, che si è svolta nel fine settimana.

La manifestazione, valida anche come qualificazione al prossimo Campionato Italiano Assoluto d’Altura che si disputerà a giugno a Monfalcone, ha richiamato l’attenzione di alcuni tra i più forti equipaggi del panorama velico nazionale provenienti da gran parte della costa adriatica da Civitanova Marche fino a Trieste.

Sole, vento da ovest e delfini hanno accolto i regatanti nella giornata inaugurale di sabato, che ha visto lo svolgimento di tre prove ed il dominio incontrastato con tre vittorie in tre prove sia di Be Wild, lo Swan 42 di Renzo Grottesi in classe ORC 0 e 1 sia di Sarchiapone, l’Italia 9.98 Fuoriserie di Roberto Dubbini in classe ORC 3. Al rientro presso Darsena le Saline armatori ed equipaggi sono stati accolti presso l’elegante piscina del porticciolo turistico con l’aperitivo di benvenuto offerto da Conselve – Vigneti e Cantine accompagnato da un buon piatto di pesce fritto tipico.

Nulla da fare invece per quanto riguarda la giornata di domenica, con il vento che resta troppo debole e che risente delle perturbazioni di passaggio in nottata. Solo dopo qualche ora di attesa il comitato di regata fa differire tutte le prove in programma nella giornata.

Le classifiche vengono quindi completate dal First 40 Rebel di Costantin Manuel e dall’Italia 12.98 Pax Tibi di Marco Moro in classe ORC dalla 0 alla 1 e dall’ X-35 Hector X di Filippi Massimo seguito dall’Italia 9.98 Fuoriserie Take Five jr in classe ORC 3.

A prendere la parola per primo nel corso della cerimonia di premiazione è Stefano Genova, alla sua prima uscita da presidente de Il Portodimare: “Una prima edizione della Coppa Adriatico con regate meravigliose, molto tecniche e sicuramente costruttivo. Sono molto contento e felice della riuscita di questa nuova competizione che ci auguriamo possa essere solo la prima di una lunga serie”.

“Per noi – spiega l’armatore di Be Wild Renzo Grottesi – si è trattato del debutto stagionale, siamo venuti a Chioggia per allenarci in vista delle prossime partecipazioni al Campionato Italiano Assoluto d’Altura e al successivo Campionato del Mondo ORC. Direi che è andato tutto bene e siamo molto soddisfatti di come sia iniziata la stagione”.

A commentare la vittoria nella classe ORC 3 è Roberto Dubbini, armatore dell’Italia 9.98 Fuoriserie Sarchiapone:”La chiave di questa vittoria è sicuramente la barca veloce, soprattutto con aria leggera, ma anche del suo equipaggio formato da giovani e meno giovani che vengono da diverse stagioni di regate anche su barche più grandi e finalmente stanno trovando il giusto assetto a bordo della barca”.

La Coppa Adriatico è organizzata da Il Portodimare con la collaborazione di Darsena le Saline e Vela Veneta, sotto l’autorità della Federazione Italiana Vela e dell’UVAI. Parter della manifestazione sono: Conselve – Vigneti e Cantine, Banca Patavina e Nanoprom.

Clicca qui per visualizzare la classifica della prima prova
Clicca qui per visualizzare la classifica della seconda prova
Clicca qui per visualizzare la classifica della terza prova
Clicca qui per visualizzare la classifica generale